Pro Loco Signa A.P.S.
Musei

Musei

  • Museo Ferroviario “Galileo Nesti”:

Questo museo è inserito nei locali siti al piano terra della stazione di Signa, in Piazza Stazione.

Vi è allestita una raccolta di oggettistica ferroviaria dedicata ad uno degli storici capistazione di Signa: Galileo Nesti. All’interno si trovano anche foto, documenti, vecchie divise, documenti d’epoca ed una piccola biblioteca per una ricostruzione di frammenti storico-culturali della vita legata al vecchio mondo ferroviario.

Il museo è gestito dall’Associazione Ferrovieri “Galileo Nesti” con sede sempre in piazza Stazione.

E’ possibile visitarlo il martedì e giovedì dalle 15.00 alle 18.00 ed il sabato dalle 9.00 alle 13.00 (ingresso e posteggio auto gratuiti).

Per aperture su richiesta: Tel: +39 3496023020/ +39 3384772983

Per approfondimenti: http://www.museoferroviariosigna.it/

Interno Sala Museo
  • Museo di Arte Sacra:

La Pieve dei santi Giovanni Battista e Lorenzo a Signa dal 2010 è sede del nuovo museo di Arte Sacra. Propone un percorso articolato che include la pieve, il sagrato, il chiostro e alcuni ambienti della canonica nei quali erano già esposti alcuni preziosi arredi liturgici, legati al culto e alla devozione della Beata Giovanna. L’idea di ampliare questo primo spazio espositivo è nata per meglio tutelare il patrimonio artistico del territorio, creando un punto di raccolta e conservazione di opere provenienti da varie chiese del vicariato.

La Pieve vanta origini molto antiche, tra il VII ed il IX secolo, ma ha subìto nel corso dei secoli molte trasformazioni architettoniche. L’aspetto attuale è il risultato di importanti lavori di ristrutturazione che hanno interessato l’edificio tra la fine del XIX  e i primi del XX secolo. . L’esistenza qui dell’unico fonte battesimale del piviere e soprattutto la presenza delle sacre spoglie di Giovanna da Signa, morta secondo le fonti nel 1307, venerata come Beata e protettrice, resero la Pieve un importante centro religioso e luogo di pellegrinaggio, grazie al diffondersi della fama dei poteri taumaturgici delle spoglie di Giovanna.

Luogo di identificazione della comunità, fino dal 1393 presentava sulla porta principale lo stemma cittadino: un ponte a sette archi con torre merlata. Le dimensioni dell’edificio, a tre navate, erano in origine assai ridotte: la Pieve occupava lo spazio corrispondente all’attuale navata di destra, alla sacrestia ed alla cappella con il fonte battesimale.

Dopo il 1307 venne costruito un sacello destinato a conservare le spoglie della Beata Giovanna, addossato all’antica navata sinistra. Nel 1441 la cappella della Beata Giovanna venne affrescata dalla bottega di Bicci di Lorenzo e intorno al 1520 fu incorporata nella struttura della chiesa, grazie alla costruzione di una quarta navata ottenuta chiudendo il portico di accesso alla cappella stessa.

Nel 1539, infine, si procedette anche all’ampliamento del sagrato, mentre il loggiato esterno fu costruito dopo il 1724.

Nella sezione suppellettili liturgiche si trovano preziosi esemplari di oreficeria sacra, soprattutto settecentesca, parati e reliquie, tutti collegabili al culto della Beata Giovanna da Signa, oltre ad importanti opere pittoriche.

Spazio espositivo all’interno della Pieve: Orario 8-12; 15-19 

Visite sospese durante le funzioni.

Stanza del Tesoro: visite su prenotazione.

Parzialmente accessibile ai disabili 

Audioguide e totem in lingua italiana e lingua inglese.

Contatti:  

parrocchia tel. 0558790400

E-mail: giovanni.signa@parrocchie.diocesifirenze.it

Direzione scientifica: 

M. Emirena Tozzi

E-mail: artesacrasigna@gmail.com 

Visite guidate e attività didattica: su prenotazione.

Affresco “Madonna con bambino e Santi”