Giovanni Maria Cecchi

Giovanni Maria Cecchi (Firenze, 1518 – Signa 1587) è stato un commediografo, scrittore e notaio italiano, devoto alla famiglia dei Medici.

Biografia

Ebbe ufficî pubblici in Firenze. Legatissimo alla sua città, oltre a prose e rime, scrisse 21 commedie, in generale d'imitazione classica. Certi suoi intermezzi scenici preludono al melodramma; pregevoli anche i Drammi spirituali, attinti ai misteri e alle sacre rappresentazioni; a lui si deve anche un Compendio di più ritratti circa l'anno 1575 sulle cose della Magna, Fiandra, Spagna e Regno di Napoli (pubbl. 1867), curiosa trattazione delle condizioni politiche e dei costumi di quei paesi.

Le commedie da lui composte furono spesso di ispirazione classica, anche se alcune vennero ricavate dall'attualità del tempo: alcune raccontavano di vicende inusuali ed erano articolate su intrecci non sempre probabili, anticipando in un certo senso il più moderno melodramma.

Cecchi scrisse fra l'altro il Sommario de' magistrati di Firenze [di ser Giovanni Maria Cecchi] (1562) e Per una storia istituzionale dello Stato fiorentino , un trattato di storia locale.
Compose inoltre farse ed altre commedie di argomento religioso.

Opere

  • La Dote
  • La Moglie
  • Il Corredo
  • La Stiava
  • Il Donzello
  • Gli Incantesimi
  • Lo Spirito
  • L'ammalata
  • Il Servigiale
  • Il Medico
  • La Macaria
  • I Dissimili
  • I Rivali
  • L'Assiuolo
  • Il Diamante
  • Le Pellegrine
  • Le Cedole
  • Gli Sciamiti
  • Le Maschere
  • I Contrassegni
  • Il Debito