LE TRECCIAIOLE, Storie di Donne al lavoro in Toscana fra Ottocento e Novecento

Conversazione sul libro di PASQUALE VILLARI, Sabato 17 Marzo ore 16.00 Sala Blu, Bilblioteca comunale Boncompagno, Signa.


Intervengono

Giampiero Fossi   Assessore alla Cultura Comune di Signa
Marco Paoli   Segretario SPI CGIL Lega Le Signe
Iolanda Toccafondi  Curatrice del progetto
Angelita Benelli   Presidente dell’Associazione Museo della Paglia e dell’Intreccio D. Michelacci
Lara Socci   Curatrice del volume

Coordina   Silvia Tozzi   Florence Art Edizioni
con proiezione di diapositive

SABATO 17 MARZO, ORE 16
Signa, Biblioteca Comunale Boncompagno, Sala Blu, Via degli Alberti 11
buffet al termine


SIGNA, Sala Blu della Biblioteca Boncompagno – Sabato 17 marzo alle ore 16 appuntamento con "Le Trecciaiole. Storie di donne", un incontro-conversazione dedicato alla presentazione del libro “Pasquale Villari Le Trecciaiole. Donne al lavoro nella Toscana tra Ottocento e Novecento. Con documenti, fotografie e testimonianze inedite” a cura di Lara Socci (Florence Art Edizioni, Collana Saggi e Ricerche 2017).

LA PUBBLICAZIONE

È un mestiere antico quello della trecciaiola, tradizionalmente femminile e legato al “cappello di paglia di Firenze”, prodotto famoso nel mondo intero. Nell’Ottocento era diffusissimo nelle campagne toscane, poiché quello della paglia era uno dei settori trainanti dell’economia.
Poi arrivò la crisi.
Le Trecciaiole di Pasquale Villari, storico e uomo politico – ripubblicato nel centenario della sua scomparsa –, ci spiega il perché, fotografando quelle donne, il loro lavoro, le loro rivendicazioni e proponendo soluzioni per quella che sarebbe potuta essere una strategia per la sua salvaguardia. Un testo che, pur scritto molto tempo fa, è di straordinaria, sorprendente attualità.
Grazie ai contributi di Lara Socci, curatrice del volume, attraverso testimonianze e interviste a coloro che hanno vissuto in prima persona quell’artigianato oggi scomparso, è inoltre possibile ripercorrerne la storia, le modalità di lavorazione, con uno sguardo sul mondo della paglia all’Impruneta, paese del Chianti fiorentino, di cui poco si sa, pur essendo stato immortalato dalla penna di due scrittori: Ferdinando Paolieri e Ferdinando Sabatini. Molte infatti le testimonianze principalmente di donne imprunetine che raccontano le proprie esperienze, aneddoti curiosi e approfondiscono gli aspetti lavorativi.
Il volume è impreziosito da un ricco repertorio di immagini d’epoca provenienti in gran parte dall’Archivio della Società Corale di Mutuo Soccorso di Impruneta. Sempre dal medesimo Archivio anche le foto dei manufatti in paglia realizzati da anziane trecciaiole riprodotti nel libro.
Il risultato complessivo dell’opera è una storia intensa, autentica e emozionante che fa luce sul mondo del lavoro femminile tra Ottocento e Novecento.

Pasquale Villari (Napoli 1826 - Firenze 1917), storico e uomo politico, dopo aver partecipato ai moti napoletani del 1848 fu esule a Firenze. Docente di Storia all’università di Pisa e all’Istituto di studi superiori di Firenze, fu deputato, senatore e successivamente ministro della Pubblica istruzione. Fra le sue opere più note La storia di Girolamo Savonarola e de’ suoi tempi (1859-61), Niccolò Machiavelli e i suoi tempi (1877-82), I primi due secoli della storia di Firenze (1893-94), Le invasioni barbariche in Italia (1900); L’Italia da Carlo Magno alla morte di Arrigo VII (1910). È ricordato per essere stato uno dei più importanti studiosi della questione meridionale (Lettere meridionali, 1878; Scritti sulla questione sociale in Italia, 1902).
Lara Socci, curatrice del volume, è docente di Lingua e Letteratura francese e vicepresidente della Società Corale di Mutuo Soccorso di Impruneta, depositaria di un prezioso archivio fotografico e di manufatti in paglia.

 

Le Trecciaiole

« ottobre 2018 »
ottobre
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Pro Loco Signa

Tel/Fax: 055/8790183
E-mail: [email protected]
Indirizzo:
Piazza Stazione - 50058 Signa (Firenze)

 

Comune di Signa
Comune di Signa